martedì 5 aprile 2011

Italia Oggi scivola sulla piadina

Questo è un ringraziamento pubblico. Grazie al giornalista Giorgio Ponziano per un suo pezzo: da tanto tempo non ridevamo così di gusto. La questione è questa: viene in mente una cosa tipo il “Piccolo chimico”, quella scatola con microscopio e qualche minerale che da bambini serviva per avvicinarsi alla chimica. Qui invece siamo di fronte a un esempio di “Piccolo giornalista” ma, all’opposto, utile per imparare come non si fa giornalismo.

Accade che Italia Oggi, il quotidiano economico, giuridico e politico, pubblica oggi un pezzo sull’avanzata della Lega Nord in Emilia e Romagna. In pratica, l’oggetto del nostro documentario. Che infatti viene citato più volte nell'articolo – il titolo: “La Lega vuole mangiare la piadina” - firmato da Giorgio Ponziano.
Solo che le citazioni sono completamente inventate.

Ecco ad esempio l’attacco: “I leghisti emiliani hanno realizzato un film e lo stanno proiettando dove c’è la campagna elettorale. Il titolo è emblematico: Occupiamo l’Emilia”.

 Ma questo è ancora niente, il bello viene dopo: “Ora c’è perfino il film che esalta le gesta del movimento verde, destinato ad esaltare i militanti ma anche a dare fiducia agli indecisi. E’ prodotto da Cinepadania con tanto di simbolo (una macchina da proiezione accanto al simbolo verde della Lega) e ha messo il trailer su YouTube”.

Film prodotto dalla Lega emiliana? Cinepadania? Esaltare le gesta del movimento? Tutto inventato di sana pianta dal nostro Ponziano che ha spiluccato a casaccio tra qualche post del nostro blog (ad esempio questo che si riferisce a una serie di serate a tema proposte dalla piccola Lega modenese denominate Cinepadania) senza degnarsi di ricostruire fedelmente genesi e contenuti del film. Inventandosi anche una "casa produttrice" verde che sembra una specie di Metro Goldwin Mayer leghista. Tutta da ridere. Così come il fatto che il film sia prodotto dalla Lega emiliana. O che ne esalti le gesta (ma guardarlo, no?!?).

Come noto il film è stato realizzato da noi, tre giornalisti freelance modenesi che con la Lega non hanno nulla a che fare. Anzi, se proprio dobbiamo rivendicare un merito, è quello della nostra assoluta indipendenza, riconosciuta dal Pd, dalla Lega Nord e dai tanti che hanno visto il documentario. Tra questi non c’è Ponziano, che però da oggi eleggeremo a nostro osservatore politico di fiducia e a cui regaleremo un telefono chiedendogli uno sforzo, uno solo: se non guardarsi il film, almeno alzare il telefono e chiedere qualche informazione direttamente, invece di lavorare di fantasia.


L'articolo-bufala è anche sulla homepage del sito di Italia Oggi. E, nonostante la nostra smentita (che dovrebbe essere pubblicata domani sul cartaceo, speravamo immediatamente sul web) circa le informazioni del tutto inventate contenute nel pezzo, al momento lì resta. Complimenti sinceri quindi anche alla prontezza e alla velocità davvero internettiana del giornale...





2 commenti:

  1. ma non ho capito (scusa) il doc. è pubblicato da qualche parte su internet? (aggratis.. magari)

    RispondiElimina